Impianti fotovoltaici: il GSE scrive per la comunicazione “extra profitti”

Bettuzzi (Confagricoltura Piacenza): la dichiarazione sostitutiva non è richiesta agli impianti incentivati con i conti energia”

L’Ufficio Sviluppo di Confagricoltura Piacenza sta in questi giorni ricevendo molte richieste di chiarimento circa la comunicazione che GSE ha inviato ai titolari di impianti fotovoltaici.  “Entro lo scorso 10 luglio – spiega Roberta Bettuzzi responsabile dell’Ufficio – il GSE ha inviato indistintamente una comunicazione con oggetto “Comunicazione di inclusione nel perimetro di impianti interessati all’art. 15 bis DL 27 gennaio 2022 n. 4, DL Sostegni Ter” ai titolari di impianti fotovoltaici. Nella comunicazione è richiesto che entro il 10 agosto i produttori rispondano al GSE, ma è bene precisare che i produttori di energia da impianti fotovoltaici incentivati non devono inviare alcuna dichiarazione sostitutiva. Devono rispondere al GSE nei tempi indicati e con la modalità illustrata nella comunicazione esclusivamente i proprietari di impianti non incentivati esclusi dal meccanismo di compensazione”.

In meccanismo di compensazione è dettagliato nell’articolo 15 bis del Sostegni Ter, citato per l’appunto anche nella comunicazione del GSE, e stabilisce un prezzo di riferimento dell’energia elettrica, il cosiddetto prezzo equo, a seconda della localizzazione geografica dell’impianto di produzione. “Nel Nord Italia, ad esempio – precisa Bettuzzi – questo valore corrisponde a 58 €/mWh. Questa norma, inoltre, stabilisce che qualora il prezzo di mercato ecceda il prezzo equo, la differenza costituisce un extra profitto che dovrà essere versato al GSE secondo un meccanismo di compensazione”. La ratio del meccanismo compensativo è quella di prelevare i maggiori profitti ottenuti dalla vendita di energia elettrica da fonti rinnovabili, a seguito dell’aumento del prezzo della stessa a partire dalla seconda metà del 2021, per destinarli alla riduzione degli oneri generali di sistema così da ridurre il costo delle forniture di energia nonché supportare le misure legislative di contenimento della spesa energetica introdotte negli ultimi mesi (riduzione IVA, riduzione/annullamento oneri generali, ecc.).  “È evidente – prosegue l’esperta di Confagricoltura Piacenza – che la misura interessa un numero molto elevato di produttori di energia rinnovabile, tra cui le nostre aziende agricole proprietarie di impianti fotovoltaici, oltre i 20 KW, incentivati con tariffe premio, la cui energia è ceduta al GSE (ritiro dedicato, scambio sul posto) o venduta sul mercato elettrico tramite altri operatori. Sono però esclusi dall’applicazione della misura, tutti gli impianti incentivati dal DM 5 luglio 2012 (V conto energia), trattandosi di impianti che usufruiscono di tariffe onnicomprensive, come pure gli impianti fotovoltaici più recenti, incentivati dal DM FER 1 (DM 4 luglio 2019) e gli impianti fotovoltaici non incentivati, entrati in esercizio dopo il primo gennaio 2010”. Detto ciò, il GSE, per ciascun impianto di produzione cui si applica il meccanismo di compensazione, procede ad identificare la quantità oraria di energia elettrica immessa nel periodo 1 febbraio 2022 – 31 dicembre 2022 per la quale trova effettiva applicazione l’articolo 15-bis del decreto-legge 4/22 (art. 4) determinando così le partite economiche della misura secondo modalità e tempistiche che dipendono dallo tipologia di contratto di cessione dell’energia (ritiro dedicato ai prezzi zonali, ritiro dedicato ai prezzi minimi garantiti, scambio sul posto, vendita a operatori terzi rispetto al GSE).

“Concludendo – chiarisce Bettuzzi – con riferimento alla comunicazione del Gse, i produttori di energia da impianti fotovoltaici incentivati non devono inviare la dichiarazione sostitutiva. La dichiarazione sostitutiva (completa di eventuali allegati) è invece richiesta esclusivamente per gli impianti non incentivati esclusi dal meccanismo di compensazione e per questi il GSE procederà successivamente alla determinazione degli importi secondo le modalità stabilite da ARERA”.

Ultima modifica: 1 Agosto 2022