Struttura ed Organico

Statutariamente, Confagricoltura dell’Emilia Romagna svolge una molteplicità di funzioni, da realizzarsi nell’ambito delle direttive confederali:

  1. Assicurare il collegamento con la Confagricoltura, fungendo quale organo di decentramento della medesima, e con altri Collegamenti territoriali per quanto riguarda i problemi di comune interesse;
  2. Coordinare l’attività delle Unioni collegate, onde realizzare la massima unità di indirizzo nella trattazione e nella definizione di questioni di carattere regionale, in armonia con le norme statutarie delle singole Unioni e della Confagricoltura;
  3. Stipulare contratti collettivi regionali nel rispetto delle direttive della Confederazione e delle Federazioni Nazionali interessate;
  4. Rappresentare le Unioni collegate nei confronti dell’Ente Regione, nonché di autorità, amministrazioni ed enti pubblici o privati, o di qualsiasi altra organizzazione economica e sindacale a carattere regionale, ai fini della tutela degli interessi dell’impresa agricola in ogni sua forma, della proprietà e della conduzione agricola.
    Per l’assolvimento di tali compiti, esso provvede a studiare e prospettare i problemi sindacali, tecnici ed economici di interesse particolare per l’agricoltura della regione, o di più province della regione;
  5. Provvede alla designazione ed a promuovere l’intervento dei propri rappresentanti o delegati in tutti quegli Enti, Organismi, Istituzioni o Commissioni, in cui una rappresentanza degli agricoltori,a livello regionale,sia prevista,richiesta od opportuna;
  6. Promuovere e facilitare lo studio,il coordinamento e la risoluzione di tutti i problemi che interessano l’agricoltura regionale sotto l’aspetto tecnico ed economico, sollecitando e curando manifestazioni e convegni a carattere regionale, nonché iniziative concernenti l’istruzione professionale, i problemi del lavoro, l’organizzazione di mostre, la propaganda e la divulgazione, ecc.;
  7. Prendere iniziative e svolgere attività nel settore dell’organizzazione economica.

Organismi collaterali

La Federazione, direttamente o indirettamente, avvalendosi del rapporto con vari soggetti (Agriturist, Agrifarm, ANGA ed in rapporto con Enti operanti nel comparto dell’FP) cura il miglioramento e la diffusione delle tecniche agricole,anche attraverso l’organizzazione della domanda di ricerca in alcuni comparti,o a favorire iniziative e interventi divulgativi e/o formativi atti a supportare ed a rendere più competitive le aziende agricole, in un’ottica di sviluppo che salvaguardi l’ambiente, e favorisca l’organizzazione economica delle produzioni, in rapporto alle prospettive della loro collocazione sui mercati.
.Per quanto concerne l’attività in ambito culturale e sociale, la Federazione organizza e partecipa a convegni, conferenze, seminari, studi e ricerche sui problemi del settore primario della sua crescita e dello sviluppo rurale. Tali attività vengono svolte o direttamente o tramite enti collaterali o affiliati o partecipati, che curano le iniziative di informazione, promozione professionale e culturale degli agricoltori e dei tecnici operanti nel settore.