PUBBLICATO IL BANDO ISI INAIL 2017

Asse 5 dedicato all’agricoltura per l’acquisto di macchinari

 

L’INAIL ha pubblicato l’Avviso pubblico ISI 2017 e i relativi bandi regionali riguardanti gli incentivi alle imprese per la realizzazione di interventi in materia di salute e sicurezza sul lavoro. Diversamente dallo scorso anno INAIL ha deciso di accorpare tutti gli incentivi in un bando unico, riservando ai finanziamenti rivolti alle micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria l’asse di finanziamento 5. L’asse 5, suddiviso in due sub-assi (5.1 riferito alla generalità delle imprese e 5.2 rivolto ai giovani imprenditori), prevede una dotazione finanziaria di 35 milioni di euro, suddivisi in budget regionali e l’avviso pubblico della Regione Emilia Romagna indica per quest’asse una dotazione finanziaria di 3.6 milioni di euro di cui 3.38 per la generalità delle imprese e 223 mila euro riservati ai giovani agricoltori. Lo stanziamento è stato tutto convogliato verso l’acquisto di macchine agricole. Come l’anno scorso le risorse servono dunque ad incentivare l’acquisto o il noleggio con patto di acquisto di nuovi macchinari ed attrezzature di lavoro caratterizzati da soluzioni innovative per abbattere in misura significativa le emissioni inquinanti e, in concomitanza, conseguire la riduzione del livello di rumorosità o del rischio infortunistico o di quello derivante dallo svolgimento di operazioni manuali. I finanziamenti devono comunque soddisfare l’obiettivo del miglioramento del rendimento e della sostenibilità globali dell’azienda agricola in particolare mediante una riduzione dei costi di produzione, il miglioramento e la riconversione della produzione, il miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori.  Analogamente allo scorso anno la procedura per l’accesso ai finanziamenti è quella valutativa a sportello (che prevede il click day). Procedura relativamente alla quale non manchiamo di esprimere, come in passato, la nostra perplessità in quanto viene la validità delle proposte viene vagliata in subordine alla velocità di invio. Il finanziamento in conto capitale sull’importo delle spese ritenute ammissibili è concesso nella misura del 40% per la generalità delle imprese agricole) e del  50% per i giovani agricoltori. Il calcolo avviene sulle spese sostenute al netto dell’IVA e in ogni caso, il massimo erogabile è pari a 60.000,00 Euro; mentre il finanziamento minimo è pari a 1.000,00 Euro. Nel caso le stesse spese ammissibili siano state, in tutto o in parte, oggetto di un’altra tipologia di aiuto di stato occorre prestare attenzione a non superare l’intensità di aiuto sopra richiamata. Sono motivo di esclusione, invece, aver ottenuto ammissione al finanziamento per l’Avviso ISI Agricoltura 2016; aver chiesto e aver ricevuto altri finanziamenti pubblici sul progetto oggetto della domanda; rientrare fra coloro che sono destinatari di un ordine di recupero pendente a seguito di una precedente decisione della Commissione europea che dichiara gli aiuti illegittimi; essere un’impresa in difficoltà così come definita all’articolo 2 (14) del Regolamento (UE) n. 702/2014.  La procedura per accedere ai finanziamento prevede di compilare la domanda sul sito a partire dal 19 aprile 2018 fino alle ore 18:00 del 31 maggio 2018; acquisito il codice identificativo per l’inoltro delle domande precedentemente caricate che hanno raggiunto la soglia minima di ammissibilità  prevista (120 punti)  entro il 7 giugno 2018, si dovrà partecipare all’invio formale della domanda di ammissione al finanziamento nelle date e gli orari dell’apertura e della chiusura dello sportello informatico, che saranno pubblicati sul sito www.inail.it a partire dal 7 giugno 2018 (click day).

Tutta la documentazione è scaricabile al seguente link:

https://www.inail.it/cs/internet/attivita/prevenzione-e-sicurezza/agevolazioni-e-finanziamenti/incentivi-alle-imprese/bando-isi-2017.html.

Gli interessati possono rivolgersi alla Dott.ssa Elena Gherardi (0523.596740 E-MAIL:  elena.gherardi@confagripc.it)

Ultima modifica:

E tu, cosa ne pensi?