CONTRIBUTI AGRICOLI SCADENZA DEL 16 SETTEMBRE: GLI UFFICI DI CONFAGRICOLTURA SONO PRONTI

La scadenza per il pagamento dei Contributi Agricoli Unificati relativi al primo trimestre 2017 è fissata come di consueto per il 16 settembre (posticipata poi di fatto a lunedì 18 per ragioni di calendario), tuttavia i contribuenti quest’anno non si vedranno più recapitare al proprio domicilio la lettera contenente tutti i dati per il pagamento di quanto dovuto, ma dovranno reperire tali informazioni nel proprio “Cassetto previdenziale aziende agricole”, direttamente o attraverso gli intermediari abilitati. “Sin dall’emanazione della prima circolare Inps sull’argomento – spiega il presidente di Confagricoltura Piacenza, Filippo Gasparini – i nostri uffici Paghe e Sindacale si sono attivati per arrivare alla scadenza pronti a fornire le informazioni di cui necessitano le aziende associate. Tutte le imprese che hanno dato delega sindacale a Confagricoltura Piacenza potranno, dunque, ritirare nei prossimi giorni gli F24 per il pagamento dei contributi dovuti presso i propri Uffici di Zona e provvedere al pagamento”. La nuova modalità è stata introdotta ad agosto modificando radicalmente il sistema di comunicazione relativo al pagamento dei contributi agricoli unificati per i datori di lavoro agricolo e allineandosi a quello già in uso per i lavoratori autonomi agricoli dal 2016. “Questa scelta avrebbe meritato tempi e modalità di comunicazione diversi – sottolinea Gasparini – abbiamo formalmente rappresentato all’Istituto la nostra contrarietà e la nostra preoccupazione per l’iniziativa assunta unilateralmente, senza un congruo periodo di preavviso e senza alcuna informativa preliminare. Abbiamo, poi, risolto grazie alla prontezza dei nostri uffici. La mera informatizzazione – ricorda Gasparini – non sempre è semplificazione, certamente non lo è in questo caso che ha ancora una volta ha semplificato le procedure pubbliche demandando l’onere ai privati”.

Filippo Gasparini – presidente di Confagricoltura Piacenza.

Ultima modifica:

E tu, cosa ne pensi?