CAPOLAVORI MODENESI A CIBUS

Confagricoltura Modena presenta a Parma la rassegna delle eccellenze modenesi

Confagricoltura sarà presente a Cibus 2018, la grande manifestazione dedicata all’agroalimentare che si svolge a Parma, dal 7 al 10 maggio. Di fronte all’ingresso Est della Fiera, l’ Organizzazione degli imprenditori agricoli avrà a disposizione un proprio spazio interno (stand AE11), corredato da un’area esterna appositamente attrezzata per l’accoglienza degli ospiti e dei visitatori. Anche l’arredo verde sarà curato dalle aziende florovivaistiche di Confagricoltura.

Il format è quello utilizzato con successo a Vinitaly, che prevede il coinvolgimento di tutte le regioni italiane per l’esposizione di prodotti, l’organizzazione di eventi e le degustazioni.

Il prossimo 7 maggio, giorno inaugurale, sarà dedicato alle eccellenze modenesi: saranno sette le aziende a rappresentare i nostri colori alla kermesse parmense, presentando i prodotti top della nostra provincia.

Il Parmigiano Reggiano, il formaggio più conosciuto al mondo, sarà rappresentato nella versione bio dalla Casearia di Sant’Anna, mentre il Caseificio Sociale San Pietro di Montegibbio di Sassuolo proporrà quello prodotto con latte di montagna.

Si potranno conoscere e degustare anche l’aceto balsamico tradizionale di Modena dell’azienda agricola di Giuseppe Tusini di S.Prospero e i salumi dell’Azienda Agricola Rossi di Camposanto s/P, tra cui il Salame di San Felice che si fregia del marchio collettivo della Camera di Commercio “Tradizioni e sapori di Modena” e il cui disciplinare di produzione è gelosamente custodito nel caveau della omonima banca. La cooperativa Monte Ré di Modena proporrà la confettura di amarene brusche IGP e le sue famose prugne essiccate, e per finire i grani antichi e i ceci neri dell’Azienda Terre di Alice di San Felice s/P, coniugati in pasta, biscotti e gallette ed il Lambrusco di Sorbara dop dell’Azienda Zucchi di S.Prospero.

“Il nostro territorio è ricchissimo di produzioni agroalimentari di eccellenza – afferma Eugenia Bergamaschi, presidente di Confagricoltura Modena – queste aziende sono l’esempio di un tessuto imprenditoriale attivo e attento alle nuove esigenze del mercato e dei consumatori”.

Ultima modifica:

E tu, cosa ne pensi?