AVVISO AI SOCI ADERENTI AL SERVIZIO DI CONTABILITÀ IVA.

Avviso ai Soci aderenti al Servizio di Contabilità IVA.

L’approvazione del Decreto Legge 193/16 collegato alla legge Finanziaria 2017 ha introdotto, tra gli altri, due nuovi adempimenti consistenti nell’invio telematico di dati contabili all’Amministrazione Finanziaria dalla quale saranno utilizzati per il riscontro della coerenza tra fatture e versamenti iva al fine di recuperare l’eventuale evasione di imposta. Periodicamente, secondo le scadenze sotto specificate, andranno comunicati i dati delle fatture emesse e ricevute ed i dati delle liquidazioni periodiche Iva.

La “comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute” consiste nella trasmissione dei dati di registrazione delle fatture, vale a dire: i dati identificativi dei soggetti coinvolti, data e numero fattura, imponibile, aliquota, imposta e tipologia di operazione. Per l’anno 2017 le scadenze sono state previste al 18/09/2017 per il primo semestre ed al 28/02/2018 per il secondo semestre. In caso di omesso o errato invio dei dati è prevista l’applicazione della sanzione di € 2 per ogni fattura con un massimo di € 1.000 a trimestre e con riduzione delle sanzioni in caso di invio correttivo entro 15 giorni dalla scadenza.

L’invio della “comunicazione dei dati delle liquidazioni periodiche Iva” è più incalzante, infatti, andrà effettato entro l’ultimo giorno del secondo mese successivo ad ogni trimestre sia per le aziende mensili che per quelle trimestrali sia che il risultato sia un debito od un credito di imposta. Gli unici soggetti esonerati sono coloro non obbligati alla presentazione della dichiarazione Iva o all’effettuazione delle liquidazioni periodiche. L’omessa o l’errata comunicazione è punita con la sanzione da € 500 a € 2.000 e viene ridotta se l’invio corretto è effettuato entro 15 giorni dalla scadenza.

Al fine di evitare la sicura irrogazione delle sanzioni in caso di invii di comunicazioni non corrette a seguito della ritardata od omessa consegna dei documenti sollecitiamo la massima attenzione al rispetto dei termini di recapito delle fatture emesse, ricevute e dei corrispettivi ai nostri uffici preposti.

Cogliamo l’occasione per ricordare che il termine di consegna dei documenti è il giorno 5 del mese successivo a quello di riferimento; ad esempio le fatture emesse nel mese di gennaio e le fatture di acquisto ricevute sempre nel mese di gennaio devono essere consegnate entro il giorno 5 del mese di febbraio. Raccomandiamo particolare attenzione alla rigorosa e puntuale consegna nei termini delle fatture di vendita e dei corrispettivi.

Gli uffici di zona di competenza sono a  disposizione per chiarimenti e dubbi nella certezza della Vs. gentile collaborazione.

(E. Cricca)

Ultima modifica:

E tu, cosa ne pensi?