COMUNICAZIONE ANNUALE DELL’ATTIVITÀ VIVAISTICA.

Comunicazione annuale dell’attività vivaistica.

 

Si ricorda agli interessati che le aziende vivaistiche, iscritte al registro Ufficiale dei Produttori che producono piante, entro il 30 aprile hanno l’obbligo di effettuare la comunicazione annuale delle attività descrivendo:

¨ l’elenco e le quantità delle specie vegetali prodotte l’anno precedente alla comunicazione nonché di quelle che si prevede saranno prodotte nell’anno in corso (fruttiferi, orticole, forestali, ornamentali in coltura protetta e da pieno campo);

¨ l’ubicazione degli impianti vivaistici che comunque dovrà avvenire non oltre 30 giorni dalla messa a dimora delle piante (per la fragola la scadenza è posticipata al 15 giugno);

¨ l’ubicazione dei campi di piante madri costituiti per la produzione di materiale di moltiplicazione;

¨ l’ubicazione di nuovi campi di piante madri entro 30 giorni dalla loro costituzione e comunque prima del loro utilizzo;

¨ la mancata comunicazione per due anni consecutivi comporta anche l’attivazione della procedura di decadenza dell’autorizzazione fitosanitaria.

Da quest’anno inoltre l’utente dovrà allegare, non più inviare in formato cartaceo, nella pagina “altre informazioni” la documentazione prevista per la denuncia di ubicazione vivaio di piante da frutto, fragola e ortive, ovvero copie della carta tecnica regionale (CTR) e degli estratti di mappa catastale in cui sono evidenziati le localizzazioni delle serre, dei vivai e gli appezzamenti nei quali sono costituiti. Inoltre solo per piante da frutto (compreso actinidia):

– mappe degli appezzamenti con indicazione dei riferimenti catastali, delle file e del numero di piante per ogni fila distinto per specie, varietà e tipologia (astoni e portinnesti);

– copia del contratto in conto coltivazione qualora venga a esistere una scrittura privata.

Per piante di fragola:

– mappe degli appezzamenti con indicazione dei riferimenti catastali, delle file e del numero di piante per ogni fila distinto per specie, varietà e tipologia;

– copia del contratto in conto coltivazione qualora venga a esistere una scrittura privata.

Per ortive: copia del contratto in conto coltivazione qualora venga a esistere una scrittura privata.

Infine si ricorda, inoltre, che la Comunicazione Annuale delle Attività Vivaistiche può essere fatta solo on-line.

Anche i produttori di patate devono trasmettere la Denuncia di coltivazione entro il 30 aprile .

Da questi adempimenti sono esclusi i produttori di patate che vendono direttamente tutta la loro produzione a utilizzatori finali (vendita diretta presso l’azienda o presso mercati comunali o anche a ristoratori) e i produttori che vendono l’intera produzione a soggetti terzi iscritti al RUP (centri raccolta e/o trasformazione, commercianti, associazioni di produttori che fungono da centri di raccolta , che si assumono l’obbligo della presentazione della Denuncia di coltivazione patate. Si ricorda infine che per commercializzare in Europa le patate da consumo c’è l’obbligo di riportare il numero di iscrizione al RUP sulle etichette o, in caso di patate sfuse/non confezionate, sul documento di trasporto.

(A. Caprara)

Ultima modifica:

E tu, cosa ne pensi?