BANDO INAIL PER ACQUISTO DI MACCHINE.

Bando INAIL per acquisto di macchine.

Come si ricorderà, l’INAIL, con l’approvazione del c.d. “Bando ISI – Agricoltura 2016”, ha emanato le nuove regole utili per favorire l’acquisto di macchine agricole e trattori. Le imprese operanti nel settore agricolo hanno a disposizione 45 milioni di euro per il 2016 (35 a decorrere dal 2017) e saranno finanziate per gli investimenti volti all’acquisto (o il noleggio con patto di acquisto) di trattori agricoli o forestali o di macchine agricole e forestali, innovative tese all’abbattimento delle emissioni inquinanti, la riduzione del rischio rumore, il miglioramento del rendimento e della sostenibilità globali delle aziende agricole. Il Bando INAIL prevede in particolare la ripartizione nei seguenti due assi di finanziamento:

Asse 1: 5 milioni di euro, riservati agli imprenditori giovani agricoltori, organizzati anche in forma societaria; Asse 2: 40 milioni di euro, riservati alla generalità delle imprese agricole. I finanziamenti saranno poi suddivisi su base territoriale.

Sull’importo delle spese ammissibili sostenute e documentate è concesso un contributo in conto capitale pari al:

1) 50% per le imprese di cui all’Asse 1;

2) 40% per le imprese di cui all’Asse 2.

Le spese ammesse per l’acquisto dei trattori e delle macchine agricole e forestali sono calcolate con riferimento al preventivo di importo inferiore da presentare a corredo della domanda e comunque nei limiti dell’80% della somma dei prezzi di listino dei fabbricanti dei trattori / macchine richiesti con pari allestimento. È previsto, oltre all’acquisto, il noleggio con patto d’acquisto di trattori e/o macchine agricole e forestali. Il progetto da finanziare deve essere tale da comportare un contributo compreso tra un minimo di € 1.000,00 ed un massimo di € 60.000,00. Per i progetti che comportano contributi superiori a 30.000,00 prevista la costituzione di garanzia fidejussoria a favore dell’INAIL.

Non è prevista la concessione dell’anticipazione per i progetti che prevedono il noleggio con patto d’acquisto. Il bando INAIL prevede l’accesso al beneficio in favore di:

  • Imprese individuali;
  • Società agricole;
  • Società cooperative.

I soggetti beneficiari dovranno essere in possesso dei seguenti requisiti di:

  • essere iscritti nelle sezioni speciali “Imprenditori agricoli” o “coltivatori diretti” o “Imprese agricole” del Registro delle Imprese, o all’Albo delle società cooperative di lavoro agricolo;
  • avere attiva nel territorio della Regione / provincia autonoma l’unità produttiva per la quale intende realizzare il progetto;
  • essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti non essendo in stato di liquidazione volontaria, né sottoposta ad alcuna procedura concorsuale;
  • essere assoggettati ed in regola con gli obblighi assicurativi e contributivi di cui al Documento Unico di regolarità Contributiva disciplinato dal decreto del Ministero del lavoro e delle Politiche Sociali 30 gennaio 2015; · non aver chiesto né aver ricevuto, altri contributi pubblici (regionali, nazionali ed unionali), sul progetto oggetto della domanda il cui cumulo comporti il superamento dell’intensità dell’aiuto ammissibile così come definito dal Regolamento (UE) n. 702/2014;
  • non rientrare fra coloro che sono destinatari di un ordine di recupero pendente a seguito di una precedente decisione della Commissione europea che dichiara gli aiuti illegittimi ed incompatibili con il mercato interno conformemente a quanto indicato all’articolo 1, paragrafo 5 del predetto Regolamento (UE);
  • non essere un’impresa in difficoltà così come definita all’articolo 2, punto 14, del Regolamento (UE) n. 702/2014.

È richiesto, inoltre, che il titolare dell’impresa, o il legale rappresentante delle imprese costituite in forma societaria, non abbia riportato condanne con sentenza passata in giudicato per i delitti di omicidio colposo o di lesioni personali colpose, se il fatto è commesso con violazione delle norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro o relative all’igiene del lavoro o che abbia determinato una malattia professionale, salvo che sia intervenuta riabilitazione ai sensi degli articoli 178 e seguenti del codice penale.

Cumulo

Gli aiuti previsti nell’Avviso possono essere cumulati:

  • con altri aiuti di Stato riguardanti diversi costi ammissibili individuabili;
  • con gli stessi costi ammissibili, in tutto o in parte coincidenti, unicamente se tale cumulo non comporta il superamento dell’intensità di aiuto pari al:

– 50% dell’importo di costi ammissibili, per i soggetti beneficiari dell’Asse 1;

– 40% dell’importo di costi ammissibili, per i soggetti beneficiari dell’Asse 2.

Gli aiuti di cui al presente Avviso non sono cumulabili con aiuti de minimis relativamente agli stessi costi ammissibili, se tale cumulo porta a un’intensità di aiuto superiore alle percentuali predette.

Accesso alla procedura on line

L’inserimento online del progetto sarà possibile dal 10 novembre 2016 ed entro e non oltre le ore 18.00 del 20 gennaio 2017.

Nella sezione “accedi ai servizi online” del sito Inail, le imprese registrate avranno a disposizione un’applicazione informatica per la compilazione della domanda, che consentirà di:

– effettuare simulazioni relative al progetto da presentare;

– verificare il raggiungimento della soglia di ammissibilità;

– salvare la domanda inserita;

– effettuare la registrazione della propria domanda attraverso l’apposita funzione presente in procedura tramite il tasto “INVIA”.

Questo specifico “bando ISI agricolo” per il 2016 è stato notificato dal Governo italiano, per il tramite dell’INAIL, alla Commissione Europea per la valutazione di compatibilità con il mercato interno, in conformità alle norme sugli aiuti di Stato.

L’esito positivo di tale procedura consentirebbe di superare i limiti del de minimis – per il settore agricolo, come noto, di molto inferiori a quelli vigenti negli altri settori produttivi (15.000 euro contro 200.000) – che fino ad oggi hanno fortemente limitato l’accesso da parte delle aziende agricole ai finanziamenti concessi dell’INAIL.

La procedura di valutazione da parte della UE dovrebbe concludersi in tempi brevi.

Il click day per l’accesso ai finanziamenti è invece previsto per il mese di gennaio 2017 (ma le domande potranno essere caricate sul portale INAIL già a partire dall’autunno).

Ogni impresa potrà presentare una sola domanda e per uno solo dei due assi di finanziamento previsti.

Previste tre tipologie di progetti.

I progetti finanziati dal bando ISI – Agricoltura 2016, in particolare, ad esempio, possono prevedere l’acquisto o il noleggio con patto di acquisto di due beni al massimo, da associare secondo questo schema, come indicato

dall’INAIL;

  • un trattore agricolo o forestale più una macchina agricola o forestale dotata o meno di motore proprio;
  • una macchina agricola o forestale dotata di motore proprio più una macchina agricola o forestale non dotata di motore proprio,
  • due macchine agricole o forestali non dotate di motore proprio.

All’uopo, sottolinea il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti: “Destinare, per la prima volta, risorse specifiche al miglioramento delle condizioni di sicurezza e di salute in agricoltura è un segnale importante di attenzione a un settore dove rafforziamo ancora la sicurezza sul lavoro e testimonia l’impegno costante per la prevenzione dei rischi che sta giustamente assumendo un ruolo crescente nell’attività INAIL”.

(M. Mazzanti)

Ultima modifica:

E tu, cosa ne pensi?