Il Comune di Imola a sostegno del mondo agricolo; deliberata la concessione ad Agrifidi Uno di un contributo di 50 mila euro. Le domande entro il 30/11/2016.

Il Comune di Imola a sostegno del mondo agricolo; deliberata la concessione ad Agrifidi Uno di un contributo di 50 mila euro. Le domande entro il 30/11/2016.

Il Comune di Imola ha deliberato, su proposta delle OO.PP.AA Imolesi e recepite dall’assessore all’Agricoltura Pierangelo Raffini, di concedere ad Agrifidi Uno Emilia Romagna un contributo di 50 mila euro all’anno, a partire dal 2016 e per un triennio, al fine di consentire la concessione di finanziamenti atti a promuovere il miglioramento e l’ammodernamento delle attività agricole di servizio e produzione o per le anticipazioni dei costi sostenuti dalle imprese agricole con sede nel Comune di Imola.

In sostanza, il fondo servirà ad abbattere gli interessi che le imprese pagano per i prestiti e mutui contratti con Agrifidi per gli investimenti che realizzano.

L’importo del contributo è previsto fino ad un massimo di 2 punti percentuali di abbattimento del tasso applicato dalla banca al finanziamento relativo ad investimenti per attrezzature, macchine agricole, ristrutturazioni di fabbricati rurali connessi all’attività agricola, acquisto di terreno sia per formazione che a scopo di arrotondamento o miglioramento logistico dell’azienda, compreso spese legali, tasse e costi di registrazione. Per i prestiti di liquidità aziendale il contributo in abbattimento è previsto fino ad un massimo di 1,80 punti percentuali sempre sul tasso applicato dalla banca. Gli importi dei finanziamenti ammissibili vanno da un minimo di € 6.000 ad un massimo di € 150.000 per la liquidità a breve termine e fino ad un massimo di € 500.000 per i prestiti a medio/lungo termine.

Le domande di accesso alle agevolazioni dovranno pervenire ad Agrifidi Uno entro il 30 novembre 2016.

Per specifiche informazioni ci si potrà rivolgere direttamente agli uffici della Confagricoltura, zona di Imola.

(G. Guerrini)

 

Ultima modifica:

E tu, cosa ne pensi?