Piano Assicurativo 2016.

Piano Assicurativo 2016.

E’ in corso d’apertura il piano assicurativo per la copertura dei rischi agricoli agevolati per l’anno 2016. Il documento definisce annualmente produzioni agricole, tempistiche e modalità alle quale gli operatori agricoli devono attenersi per beneficiare dei contributi previsti dalla normativa comunitaria e nazionale (fino a un 65% della spesa ammessa) a parziale copertura dei costi sostenuti per la protezione dei rischi di perdite economiche causate da avversità atmosferiche, epizoozie e fitopatie.

Ricordiamo innanzitutto che possono accedere ai benefici

gli agricoltori attivi come definiti dall’art. 9 del Reg. 1307/13 ed ai sensi del D.M. 6513 del 18 novembre 2015 ovvero

  • iscrizione all’INPS nella sezione agricoltura
  • possesso di P. Iva agricola con obbligo da 2016 di contabilità Iva (l’obbligo della contabilità decade per aziende ubicate per almeno il 50% della superficie in aree svantaggiate)

essere titolari di un fascicolo aziendale in cui sono dettagliate le superfici.

La copertura assicurativa deve comprendere per singolo beneficiario l’intera produzione per tipologia di prodotto coltivata all’interno di un territorio comunale.

Il PAI (piano assicurativo individuale) costituisce un allegato obbligatorio alla polizza e i dati in esso contenuti fanno fede ai fini della corretta compilazione del certificato. La compilazione dei PAI è affidata ai CAA pertanto l’agricoltore deve presentarsi presso il proprio CAA di appartenenza per la compilazione e la stampa dello stesso che dovrà essere consegnato alla compagnia assicurativa al momento della stipula della polizza. I termini per la sottoscrizione delle polizze assicurative agevolate ai fini del percepimento del contributo sono:

1) colture autunno-primaverili: 30 aprile;

2) colture permanenti: 30 aprile;

3) colture a ciclo primaverile: 31 maggio;

4) colture a ciclo estivo, di secondo raccolto, trapiantate: 15 luglio;

5) colture autunno-invernale e colture vivaistiche: 31 ottobre.

(A. Caprara)

 

Ultima modifica:

E tu, cosa ne pensi?